Autunno in Sardegna: un territorio da scoprire

Autunno in Sardegna: un territorio da scoprire

L‘autunno in Sardegna regala sempre gradevoli temperature e offre l’opportunità di trascorrere una vacanza all’aria aperta praticando lo sport preferito, passeggiare  o fare il bagno in una delle numerose spiagge di sabbia chiara della Sardegna, dove le correnti proveniente dall’Africa mitigano la temperatura dell’acqua e dell’aria.

In autunno è possibile seguire una delle molteplici rassegne, mostre, sagre dei nuovi prodotti della terra, che si  svolgono negli angoli più nascosti della Sardegna.

Da ottobre a Dicembre nella Barbagia, è possibile assistere ad un fitto programma di rassegne, visite di siti archeologici, passeggiate lungo sentieri immersi nel bosco, visite di vigneti  e degustazioni di prodotti del territorio. Avrete la possibilità di ascoltare i racconti  sulle tradizioni e i segreti della preparazione dei piatti tipici semplici ma dagli  indimenticabili sapori.

La Barbagia da scoprire

Meana Sardo, situato a metà dell’antica strada romana che da Cagliari portava a Olbia, divenne sul finire dell’800 una delle principali stazioni della linea a scartamento ridotto (presente ancora oggi in Sardegna) che fu meta di tanti scrittori animati dal desiderio di avventura e curiosità ed animò anche lo scrittore  D.H. Lawrence.

Ancora oggi è possibile vivere le stesse emozioni viaggiando a bordo della locomotiva a vapore del Trenino Verde. Viaggiando lungo un tracciato che attraversa boschi, campagne, vigneti, arrivando fino agli oltre 800 m. di altitudine della stazione più alta sulla linea ferroviaria e piccole stazioni dislocate lungo il percorso,  si arriva fino a Meana. Viaggiando e guardando fuori dal finestrino, si rivive l’atmosfera degli anni che furono e lontana da quella attuale. Oltre a vigneti e boschi si potranno osservare anche alcuni Nuraghi presenti nella zona.

Proseguendo il viaggio verso il Gennargentu ai piedi del quale si trovano i paesi di  Ollolai e Gavoi si affacciano sui laghi di Gusana e Taloro, veri gioielli paesaggistici.

Gavoi, borgo d’Italia bandiera arancione del Touring Club, offre un patrimonio ambientale e culturale di pregio ed è particolarmente noto per la capacità di saper offrire al turista un’accoglienza di un certo livello. Qui si svolge il Festival Letterario della Sardegna “Isola delle Storie”

Patria del “Pecorino Fiore Sardo”, il formaggio DOP che vanta il prestigioso riconoscimento di Presidio Slow Food, questa parte di Sardegna, rivolge al “turista” particolare cura e rispetto anche nell’offrire i prodotti locali migliori.

Su pani pintau”, “Su pistiddu” “Su succu stufau“, “Su pani e saba”, sono solo alcune delle specialità gastronomiche che verranno offerte in questo weekend dai padroni delle Domos Antigas di Meana Sardo, Gavoi, Ollolai e Onanì. Deliziosi pani e dolci accompagnati da gustosissimi  vini potranno essere degustati in tutto il suo splendore osservando il fantastico tramonto affacciati sui tanti belvedere presenti in questi luoghi, poco conosciuti ma capaci di rimanere impressi nella mente e nel cuore.

No Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *