acquario di livorno

Livorno 10 cose da vedere aspettando il traghetto

Livorno 10 cose da vedere aspettando il traghetto

Abbiamo voluto realizzare una piccola guida per chi arrivi nei porti e nell’attesa di imbarcarsi con il traghetto per raggiungere una delle bellissime isole come la Sardegna, la Corsica o la Sicilia, desideri passare alcune ore visitando la città da dove prenderà il traghetto per raggiungere Olbia o Bastia o Palermo. La nostra non vuole essere un’autentica recensione sulla città ma solo un punto di partenza per il vostro viaggio.

Acquario
L’acquario di Livorno si trova in Piazzale Mascagni, 1 per cui proprio  nell’Area della Terrazza Mascagni.

acquario di livorno
Fonte immagine: acquario di livorno

Tra i protagonisti dell’acquario, avrete modo di vedere 100 di specie di coralli del Mediterraneo e tropicali, lo squalo zebra, lo squalo pinna nera,  la tartaruga verde, il pesce Napoleone, il pesce pagliaccio, le meduse marine, le stelle marine, i cavallucci marini, le murene e un nuovo percorso denominato “Un Nuovo Mondo” dove avrete il Camaleonte che vive principalmente nella sola Isola del Madagascar.

Terrazza Mascagni
La Piazza Mascagni fu realizzata nel 1925 su progetto dell’ingegner Salvis Enrico, su di un’area che ospitava fino al

terrazza Mascagni
terrazza Mascagni

1986 il parco divertimenti Eden dove si tennero le prime proiezioni cinematografiche pubbliche in Italia. Dopo la seconda guerra mondiale, la spianata fu ampliata verso nord. Oggi la Terrazza Mascagni è una grande piazza delimitata verso il mare da 4.100 eleganti colonnine in cemento che ne creano la balaustra. Il pavimento è una enorme scacchiera di 8.700 metri quadrati ed è formata da 34.800 piastrelle bianche e nere.

Museo Civico Giovanni Fattori
E’ situato in via S. Jacopo in Acquaviva, 65 ed ha sede nella prestigiosa Villa Mimbelli, residenza privata ottocentesca che è la sede museale dal 1994 solo in seguito a un lungo restauro per adattarla a questo scopo.
Le origini del museo risalgono alla fine del XIXº secolo, quando l’Amministrazione Comunale decise di assegnare una sede al patrimonio sparso in vari luoghi.
La collezione presente all’interno del Museo G. Fattori, è essenzialmente una raccolta d’arte livornese e toscana che inizia con l’opera di Enrico Pollastrini per passare alle opere di G. Fattori e di alcuni altri esponenti della scuola dei Macchiaioli fino ad un nucleo cospicuo denominati i Postmacchiaioli.

Quartiere Venezia
Il quartiere La Nuova Venezia è l’unico di Livorno che, dopo le devastazioni della seconda guerra mondiale, abbia

quartire Venezia
Fonte Foto: Flickr – Quartiere Venezia

conservato gran parte dei suoi gioielli architettonici (chiese e palazzi). Rappresenta il vero centro storico della città pur coincidendo con l’antico nucleo storico della Livorno medicea. In estate il quartiere Venezia, solitamente a cavallo tra luglio e agosto, si anima ospitando una manifestazione folkloristica denominata “Effetto Venezia” durante la quale le strade si popolano di bancarelle, spettacoli ed eventi culturali.

I Quattro Mori
La statua dei Quattro Mori si trova sul lungomare di Livorno davanti all’ingresso del porto Mediceo. Fu realizzata all’inizio del XVI secolo per volontà di Francesco I de’Medici quando durante i primi lavori di realizzazione della nuova città fortificata di Livorno, e successivamente da Ferdinando I che diede impulso al cantiere della città, che venne dato incarico allo scultore Giovanni Bandini, di erigere un monumento che celebrasse i trionfi contro i corsari barbareschi. Il monumento fu realizzato a Carrara a partire dal 1595 ma solamente nel 1621 Pietro Tacca completò l’opera con un piedistallo di quattro mori incatenati attorno alla statua di Ferdinando I. Il suo allievo Taddeo Michele ne completò la sommità del piedistallo in marmo.

Museo di Storia Naturale
Come raggiungere il Museo dalla Stazione Marittima: uscire dalla stazione e girare a destra, percorrere il lungo porto (via di Cinta esterna), oltrepassare piazza Mazzini e proseguire sul lungo mare (viale Italia). Svoltare sulla sinistra al primo semaforo e imboccare via Montebello, percorrerla sino a piazza Roma / piazza Matteotti. Girare a destra al secondo semaforo imboccando via Roma, dopo 200 metri sulla destra si trova il cancello del Museo.
Durante l’anno si tengono anche importanti mostre tra cui segnaliamo la mostra degli Abissi  dal 3 dicembre 2016 al 19 maggio 2017, mostra dedicata alle creature degli abissi.

Santuario di Montenero
Il Santuario di Montenero è collocato su una collina che domina il mare e il porto di Livorno. Si raggiunge facilmente con la Superstrada Livorno-Quercianella uscendo a Montenero in direzione del Castellaccio e seguendo le indicazioni

Santuario di Montenero
Santuario di Montenero

Montenero o dalla strada statale Aurelia, appena in vista della Cappella dell’Apparizione si sale fino al Castellaccio oppure ci si può fermare in Piazza delle Carrozze (con un ampio parcheggio) per prendere la funicolare (itinerario particolarmente indicato nei giorni festivi). Montenero è uno dei Santuari più famosi della Toscana e la sua fama è dovuta alla dedizione per la Madonna delle Grazie.   Le origini del Santuario risalgono alla festa della Pentecoste del 1345 quando in data 15 maggio, secondo la tradizione un povero pastore storpio trovò l’immagine miracolosa della Vergine Maria e seguendo un’ intuizione la portò sul colle di Montenero che all’epoca era conosciuto come il “monte del diavolo” in quanto rifugio di briganti. Molte le leggende che circondano la storia del ritrovamento dell’immagine della Madonna che la critica attribuisce a Iacopo di Michele detto il Gera.
Nello stesso anno, gli abitanti di Livorno che all’epoca erano poco più che un villaggio di pescatori, avrebbero organizzato un culto autonomo alle immagini sacre che fu osteggiato dalle autorità ecclesiastiche che ne intimarono la cessazione e la sparizioni delle immagini sacre.

Mercato centrale
Il mercato delle Vettovaglie detto anche mercato Centrale o coperto, è situato sugli scali Aurelio Saffi lungo il Fosso

mercato centrale
mercato Centrale

Vecchio di Livorno. Il Mercato Centrale  rappresenta una delle più interessanti  costruzioni Livornesi  della seconda metà del XIX secolo dove si avverte la presenza delle opere effettuate in vetro e ferro tipiche dell’ottocento.

Fortezza vecchia
La Fortezza vecchia è una fortificazione che si erge a margine del Porto Mediceo di Livorno da dove partono i traghetti per la

Fortezza vecchia Livorno
Fortezza vecchia Livorno

Capraia della compagnia Toremar.  La Fortezza è situata a poche centinaia di metri dai 4 Mori. La costruzione è il risultato di numerose ricostruzioni  nel corso dei secoli e racchiude in se l’intera storia della città di Livorno dalle origini ai giorni d’oggi. La Fortezza Vecchia è una fortificazione che si erge a margine del Porto Mediceo di Livorno. Essa, frutto di rimaneggiamenti e ricostruzioni nel corso dei secoli, racchiude in sé l’intera storia della città, dalle origini fino ai giorni odierni

Chiesa di Santa Caterina da Siena
La chiesa di Santa Caterina è  situata nel centro di Livorno in piazza dei Domenicani e rappresenta il luogo del culto

chiesa santa Caterina da Siena
Fonte immagine: Flickr – chiesa santa Caterina da Siena

cattolico.  All’interno del quartiere Venezia, la sua alta cupola ne è l’elemento di spicco. La chiesa di Santa Caterina da Siena è stata edificata a partire dalla prima metà del Seicento.

Con questa mini guida abbiamo voluto darvi la possibilità di esplorare e conoscere la Città di Livorno prima di imbarcarvi con il vostro traghetto per raggiungere la Corsica, la Sardegna o la Sicilia. La prenotazione potrete effettuarla su www.traghetti.com.

 

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli:

 

No Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *