INGRESSO IN ITALIA DALLA FRANCIA aggiornato al 20/01/2021:
- DAL 16 GENNAIO al 5 MARZO se si è soggiornato/transitato negli ultimi 14 giorni in Francia:

1. obbligo di consegnare al vettore o a chiunque sia deputato a controlli una
AUTOCERTIFICAZIONE
, nella quale si indica in modo chiaro in quali Paesi si è soggiornato o transitato nei 14 giorni precedenti;

2. obbligo di consegnare al vettore o a chiunque sia deputato a controlli un test molecolare o antigenico, risultato negativo, effettuato nelle 48 ore antecedenti l'ingresso in Italia (art. 8, comma 6);

3. obbligo di comunicare alla propria ASL di appartenenza l'ingresso in Italia (art.7, comma 3);

Eccezioni: Sempre che non sorgano i sintomi del Covid-19, l'obbligo di tampone e di quarantena non si applica alle situazioni elencate nell'art.8, comma 7, del DPCM, vale a dire:

a) all'equipaggio dei mezzi di trasporto;
b) al personale viaggiante;
c) ai movimenti da e per gli Stati e territori di cui all'elenco A dell'allegato 20;
d) agli ingressi per motivi di lavoro regolati da speciali protocolli di sicurezza, approvati dalla competente autorità sanitaria;
e) agli ingressi per ragioni non differibili, inclusa la partecipazione a manifestazioni sportive di livello internazionale, previa autorizzazione del Ministero della salute e con obbligo di presentare al vettore all'atto dell'imbarco e a chiunque sia deputato ad effettuare i controlli un'attestazione di essersi sottoposti, nelle 48 ore antecedenti all'ingresso nel territorio nazionale, a un test molecolare o antigenico, effettuato per mezzo di tampone e risultato negativo;
f) a chiunque fa ingresso in Italia per un periodo non superiore alle 120 ore per comprovate esigenze di lavoro, salute o assoluta urgenza, con l'obbligo, allo scadere di detto termine, di lasciare immediatamente il territorio nazionale o, in mancanza, di iniziare il periodo di sorveglianza e di isolamento fiduciario conformemente ai commi da 1 a 5;
g) a chiunque transita, con mezzo privato, nel territorio italiano per un periodo non superiore a 36 ore, con l'obbligo, allo scadere di detto termine, di lasciare immediatamente il territorio nazionale o, in mancanza, di iniziare il periodo di sorveglianza e di isolamento
fiduciario conformemente ai commi da 1 a 5;
h) ai cittadini e ai residenti di uno Stato membro dell'Unione europea e degli ulteriori Stati e territori indicati agli elenchi A, B, C e D dell'allegato 20 che fanno ingresso in Italia per comprovati motivi di lavoro, salvo che nei quattordici giorni anteriori all'ingresso in Italia abbiano soggiornato o transitato in uno o più Stati e territori di cui all'elenco C;
i) al personale sanitario in ingresso in Italia per l'esercizio di qualifiche professionali sanitarie, incluso l'esercizio temporaneo di cui all'articolo 13 del decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 aprile 2020, n. 27;
l) ai lavoratori transfrontalieri in ingresso e in uscita dal territorio nazionale per comprovati motivi di lavoro e per il conseguente rientro nella propria residenza, abitazione o dimora;
m) al personale di imprese ed enti aventi sede legale o secondaria in Italia per spostamenti all'estero per comprovate esigenze lavorative di durata non superiore a 120 ore;
n) ai funzionari e agli agenti, comunque denominati, dell'Unione europea o di organizzazioni internazionali, agli agenti diplomatici, al personale amministrativo e tecnico delle missioni diplomatiche, ai funzionari e agli impiegati consolari, al personale militare e
delle forze di polizia, al personale del Sistema di informazione per la sicurezza della Repubblica e dei vigili del fuoco nell'esercizio delle loro funzioni;
o) agli alunni e agli studenti per la frequenza di un corso di studi in uno Stato diverso da quello di residenza, abitazione o dimora, nel quale ritornano ogni giorno o almeno una volta la settimana;
p) agli ingressi mediante voli “Covid-tested”, conformemente all’ordinanza del Ministro della salute 23 novembre 2020 e successive modificazioni.


ENTRARE IN FRANCIA - aggiornamento al 08/02/2021:
I passeggeri diretti in Corsica o in Francia dovranno aver effettuato un test RT-PCR nelle 72 ore che precedono la partenza (i test antigenici non sono più accettati).
I passeggeri dovranno presentare alla Compagnia di navigazione un’autocertificazione con la quale confermano di aver adempiuto all’obbligatorietà del test.


In Francia non è più in vigore il lockdown ma è in vigore un coprifuoco su tutto il territorio nazionale dalle 18.00 alle 6.00. Sono state disposte inoltre forti limitazioni agli ingressi dall’estero.
Arrivi dai Paesi UE (compresa l’Italia): a partire da domenica 31 gennaio, le autorità francesi sconsigliano fortemente gli ingressi da Paesi UE. In ogni caso, le autorità francesi richiedono l'esibizione di un TEST MOLECOLARE (PCR) DA EFFETTUARE NELLE 72 ORE PRECEDENTI L'ARRIVO IN FRANCIA. Il test antigenico non è accettato. L'obbligo riguarda i viaggiatori, maggiori di 11 anni, che entrano DA PAESI UE, inclusa l'Italia, con qualsiasi mezzo (aereo, treno, auto, nave, bus, ecc). Sono esentanti dal presentare il tampone: i lavoratori frontalieri, i trasportatori e i residenti nei territori confinanti entro 30 km dal proprio domicilio.
Per ulteriori informazioni si rimanda al sito web dell’
Ambasciata d'Italia a Parigi

Arrivi da Paesi Extra UE (per il Regno Unito, vedere paragrafo dedicato): tali ingressi sono ormai vietati, fatti salvi motivi imperativi. E’ in ogni caso obbligatorio consegnare all’imbarco il risultato negativo di un test PCR, da effettuare nelle 72 ore precedenti la partenza per la Francia. All’arrivo, è inoltre richiesto di trascorrere un periodo di isolamento domiciliare di 7 giorni e di effettuare un nuovo test al termine dei 7 giorni. In casi eccezionali, qualora non sia possibile effettuare il test nel luogo di partenza, è previsto il rilascio di un lasciapassare consolare, a cura delle rappresentanze francesi in loco, per motivi gravi ed urgenti: giunto in territorio francese il viaggiatore dovrà sottoporsi ad un test e quindi trascorrere un periodo di quarantena obbligatoria di 7 giorni in una struttura indicata dallo Stato.
Arrivi dal Regno Unito: sono vietati, salvo eccezioni indicate qui:

https://www.interieur.gouv.fr/var/miomcti/storage/images/media/dgsi/images/telecharger-pdf/978553-1-fre-FR/telecharger-pdf_large.png

Per tutti gli ingressi dal Regno Unito oltre al test PCR prima della partenza, è obbligatorio sottoporsi a quarantena.
Sono previste limitazioni per gli spostamenti all'interno del territorio francese negli orari di coprifuoco, per i quali occorre un valido motivo e l'autocertificazione che può essere scaricata qui:

https://www.interieur.gouv.fr/Actualites/L-actu-du-Ministere/Attestations-de-deplacement-couvre-feu



Per maggiori dettagli consultare siti web del Governo francese

https://www.gouvernement.fr/info-coronavirus
e dell’
Ambasciata d'Italia a Parigi



Vi invitiamo a rimanere informati controllando i vari siti istituzionali per evitare aggiornamenti dell'ultimo minuto.