Aggiornato al 28/10/2021:

Dal momento che le disposizioni normative cambiano repentinamente, sarà responsabilità di ogni passeggero verificare prima di ogni viaggio – sia di andata che di ritorno – le restrizioni nazionali e regionali vigenti.

MAROCCO

DAL MAROCCO ALL'ITALIA
ATTENZIONE Nel rispetto dei nuovi protocolli di sicurezza delle autorità marocchine, è necessario presentarsi all’imbarco con almeno 2 mascherine: all’ingresso in nave verrà richiesto di indossare quella nuova.

Per tutti i passeggeri in arrivo in Italia dal Marocco è obbligatorio il tampone (molecolare o antigenico) con risultato negativo ottenuto nelle 72 ore precedenti l’ingresso in Italia. I minori di 6 anni sono esentati.

All'arrivo sarà obbligatorio l'isolamento fiduciario e sorveglianza sanitaria per 10 giorni e ulteriore test al termine dell'isolamento.

Per l’ingresso, è obbligatorio:

1) Per disposizione delle Autorità è obbligatorio compilare il seguente modulo digitale https://app.euplf.eu/#/, stampare il modulo ottenuto e presentarlo in triplice copia al check-in.
2) presentazione, al vettore all'atto dell'imbarco e a chiunque sia deputato a effettuare i controlli, della certificazione di:
- essersi sottoposto nelle settantadue ore antecedenti all'ingresso nel territorio nazionale a un test molecolare o antigenico, effettuato per mezzo di tampone e risultato negativo;
- sottoposizione a isolamento fiduciario presso l'indirizzo indicato nel Passenger Locator Form per un periodo di dieci giorni;
- sottoposizione a un test molecolare o antigenico effettuato per mezzo di tampone, alla fine dell'isolamento fiduciario

Tra le categorie non soggette ad obbligo di isolamento fiduciario (sempre che non insorgano sintomi da Covid-19) si segnalano:

- agli ingressi per motivi di lavoro regolati da speciali protocolli di sicurezza, approvati dalla competente autorità sanitaria;
- agli ingressi per ragioni non differibili, previa autorizzazione del Ministero della salute e con obbligo di presentare al vettore all'atto dell'imbarco e a chiunque sia deputato ad effettuare i controlli un'attestazione di essersi sottoposti, nelle quarantotto ore antecedenti all'ingresso nel territorio nazionale, a un test molecolare o antigenico, effettuato per mezzo di tampone e risultato negativo;
- ai cittadini e ai residenti di uno Stato membro dell'Unione europea e degli ulteriori Stati e territori indicati agli elenchi A, B, C e D dell'allegato 20 che fanno ingresso in Italia per comprovati motivi di lavoro, salvo che nei quattordici giorni anteriori all'ingresso in Italia abbiano soggiornato o transitato in uno o più Stati e territori di cui all'elenco C;
- al personale sanitario in ingresso in Italia per l'esercizio di qualifiche professionali sanitarie, incluso l'esercizio temporaneo di cui all'articolo 13 del decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 aprile 2020, n. 27;
- al personale di imprese ed enti aventi sede legale o secondaria in Italia per spostamenti all'estero per comprovate esigenze lavorative di durata non superiore a centoventi ore;
- ai funzionari e agli agenti, comunque denominati, dell'Unione europea o di organizzazioni internazionali, agli agenti diplomatici, al personale amministrativo e tecnico delle missioni diplomatiche, ai funzionari e agli impiegati consolari, al personale militare, compreso quello in rientro dalle missioni internazionali, e delle Forze di Polizia, al personale del Sistema di informazione per la sicurezza della Repubblica e dei Vigili del fuoco nell'esercizio delle loro funzioni;
- agli alunni e agli studenti per la frequenza di un corso di studi in uno Stato diverso da quello di residenza, abitazione o dimora, nel quale ritornano ogni giorno o almeno una volta la settimana.

DAL MAROCCO ALLA FRANCIA
La Francia suddivide i Paesi in tre categorie:
- Paesi “verdi”: nessuna circolazione attiva del virus, nessuna variante preoccupante individuata.
- Paesi “arancioni”: circolazione attiva del virus in proporzioni controllate, senza diffusione di varianti preoccupanti. Tutti i paesi, esclusi i paesi definiti come "verde" e "rosso".
- Paesi “rossi”: circolazione attiva del virus, presenza di varianti preoccupanti.

A partire dal 21/08/2021 il Marocco è nella lista dei Paesi Rossi. I passeggeri devono:
- giustificare il loro viaggio con un motivo essenziale.
- presentare una dichiarazione giurata https://www.interieur.gouv.fr/Actualites/L-actu-du-Ministere/Certificate-of-international-travel
- presentare la prova di un test PCR/antigenico entro 48 ore dalla partenza. In caso di vaccinazione effettuata, non è necessario presentare la prova del test.
- osservare un periodo di auto-isolamento domiciliare di 10 giorni all’arrivo.
Il ciclo vaccinale è considerato completato 28 giorni dopo la somministrazione della singola dose per il vaccino Johnson e 7 giorni dopo la somministrazione della seconda dose per gli altri vaccini ammessi (Pfizer/Comirnaty, Moderna, AstraZeneca/Vaxzevria/Covishield).

Ulteriori dettagli qui: https://www.gouvernement.fr/info-coronavirus


DALL'ITALIA/FRANCIA AL MAROCCO
1) I passeggeri provenienti dai paesi indicati nella lista A (consultare: http://www.onda.ma/) possono imbarcarsi con i seguenti requisiti a prescindere dal porto di partenza della nave:

È necessario avere un certificato Vaccinale attestante che la persona è completamente vaccinata con uno dei vaccini elencati qui sotto (ma a partire da due settimane dopo l'ultima dose, necessaria per considerare che l'immunità è stata acquisita).

Lista dei vaccini accettati in Marocco: AstraZeneca, Sinopharm, Sputnik, Pfizer/BioNTech, Janssen (Jhonson&Johnson), Covishield (Serum Institute of India), Moderna, Sinovac.

I passeggeri riceveranno una Fiches sanitaria sottobordo che dovrà essere debitamente compilata.


È necessario presentarsi al check-in con copia del certificato vaccinale.

2) I passeggeri provenienti dai paesi indicati nella lista B (consultare: http://www.onda.ma/) possono imbarcarsi con i seguenti requisiti a prescindere dal porto di partenza della nave:

È necessario presentarsi al check-in con copia del certificato vaccinale e copia dell’esito negativo del tampone test PCR effettuato entro le 48 ore dall'imbarco.

I bambini fino a 12 anni sono esenti dal test PCR e vaccino, indipendentemente da lista paesi o passaporto. Le autorità effettueranno un tampone antigienico (rapido) all'arrivo.



TUNISIA

DALL'ITALIA ALLA TUNISIA
Dal 01/12/21:

Tutti i passeggeri dai 06 anni in su, dovranno presentarsi al check-in:

- Il risultato negativo di un test PCR, recante un codice QR, eseguito meno di 48 ore prima dell'imbarco.
- Un certificato di vaccinazione (QR Code) rilasciato dalle autorità sanitarie del paese di residenza
- Moduli firmati di salute e impegno che saranno generati tramite questo sito web:https://app.e7mi.tn/travelers/add
- Un voucher di prenotazione e pagamento che deve comprendere: le spese di trasferimento dal porto, le spese di alloggio in un hotel accreditato dal Ministero della Sanità tunisino per il periodo di 10 giorni di confinamento e il costo del test PCR da effettuare nelle ultime 24 ore del confinamento obbligatorio all'arrivo in Tunisia per coloro che non sono stati vaccinati o che non hanno completato la vaccinazione contro il Covid 19

I passeggeri esentati dal presentare il voucher per la prenotazione e il pagamento in un hotel sono i seguenti

Passeggeri con un programma di vaccinazione completo con l'obbligo di presentare un certificato rilasciato a tal fine dalle autorità sanitarie del paese di residenza.
Minori non accompagnati (sotto i 18 anni) o minori che accompagnano persone vaccinate contro il Covid-19.


DALLA TUNISIA ALL'ITALIA
Per tutti i passeggeri in arrivo in Italia dalla Tunisia è obbligatorio il tampone (molecolare o antigenico) con risultato negativo ottenuto nelle 72 ore precedenti l’ingresso in Italia. I minori di 6 anni sono esentati.
All'arrivo sarà obbligatorio l'isolamento fiduciario e sorveglianza sanitaria per 10 giorni e ulteriore test al termine dell'isolamento.   
Per l’ingresso, è obbligatorio: 
• Per disposizione delle Autorità è obbligatorio compilare il seguente modulo digitale https://app.euplf.eu/#/, stampare il modulo ottenuto e presentarlo in triplice copia al check-in.
• Presentazione, al vettore all'atto dell'imbarco e  a  chiunque sia deputato  a  effettuare  i  controlli,  della  certificazione  di:
1. essersi sottoposto nelle settantadue ore antecedenti all'ingresso nel territorio nazionale a un test molecolare  o  antigenico,  effettuato per mezzo di tampone e risultato negativo;
2. sottoposizione a isolamento fiduciario presso l'indirizzo indicato nel Passenger Locator Form per un periodo di dieci giorni;
3. sottoposizione a un test molecolare o antigenico effettuato per mezzo di tampone, alla fine  dell'isolamento  fiduciario
Tra le categorie non soggette ad obbligo di isolamento fiduciario (sempre che non insorgano sintomi da Covid-19) si segnalano:
- agli ingressi per motivi di lavoro regolati da speciali protocolli di sicurezza, approvati dalla competente autorità sanitaria;
- agli ingressi per ragioni non differibili, previa autorizzazione del Ministero della salute e con obbligo di presentare al vettore all'atto dell'imbarco e a chiunque sia deputato ad effettuare i controlli un'attestazione di essersi sottoposti, nelle quarantotto ore antecedenti all'ingresso nel territorio nazionale, a un test molecolare o antigenico, effettuato per mezzo di tampone e risultato negativo;
- ai cittadini e ai residenti di uno Stato membro dell'Unione europea e degli ulteriori Stati e territori indicati agli elenchi A, B, C e D dell'allegato 20 che fanno ingresso in Italia per comprovati motivi di lavoro, salvo che nei quattordici giorni anteriori all'ingresso in Italia abbiano soggiornato o transitato in uno o più Stati e territori di cui all'elenco C;
- al personale sanitario in ingresso in Italia per l'esercizio di qualifiche professionali sanitarie, incluso l'esercizio temporaneo di cui all'articolo 13 del decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 aprile 2020, n. 27;
- al personale di imprese ed enti aventi sede legale o secondaria in Italia per spostamenti all'estero per comprovate esigenze lavorative di durata non superiore a centoventi ore;
- ai funzionari e agli agenti, comunque denominati, dell'Unione europea o di organizzazioni internazionali, agli agenti diplomatici, al personale amministrativo e tecnico delle missioni diplomatiche, ai funzionari e agli impiegati consolari, al personale militare, compreso quello in rientro dalle missioni internazionali, e delle Forze di Polizia, al personale del Sistema di informazione per la sicurezza della Repubblica e dei Vigili del fuoco nell'esercizio delle loro funzioni;
- agli alunni e agli studenti per la frequenza di un corso di studi in uno Stato diverso da quello di residenza, abitazione o dimora, nel quale ritornano ogni giorno o almeno una volta la settimana.

Per maggiori informazioni:

https://ambtunisi.esteri.it/ambasciata_tunisi/it/ambasciata/news/dall_ambasciata/2020/02/aggiornamenti-sul-coronavirus-covid.html